trustpilot Servizio bellissimo
Ottimo servizio per quanto riguarda l'informazione...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

La dieta mediterranea riduce il rischio di diabete gestazionale

Seguire la dieta mediterranea in gravidanza riduce il rischio di diabete gestazionale, con tutte le conseguenze negative conseguenti. È quanto sostiene un trial clinico condotto dalla Queen Mary University di Londra e dalla University of Warwick.

La classica dieta mediterranea, comprensiva di 30 grammi di frutta secca e olio extra vergine di oliva, abbassa del 35% il rischio di ammalarsi. Inoltre, le donne che la seguono guadagnano circa 1,25 chili in meno rispetto alla media. Potrebbe quindi essere un’ottima soluzione per le donne obese, ipertese o con alti livelli di lipidi.

Nel Regno Unito, circa 1 donna su 4 inizia la gravidanza con obesità, ipertensione o lipidi alti. Ciò la espone a diabete gestazionale, preeclampsia, pressione alta, complicazioni cardiovascolari. Questo per sottolineare quanto sia importante per questo Paese – ma non solo – trovare una dieta che contrasti tutti i fenomeni in questione.

Il trial ha coinvolto circa 1.252 donne britanniche con diverse culture d’origine. A metà di loro è stata prescritta la dieta mediterranea, mentre l’altra metà ha seguito le indicazioni standard nel Regno Unito. Le donne del primo gruppo hanno avuto meno problemi di diabete gestazionale e hanno guadagnato meno peso. Ciononostante, non ci sono stati effetti su preeclampsia e pressione alta.

Le linee guida inglesi riguardanti la dieta in gravidanza non includono alcune componenti chiave della dieta mediterranea. Non ci sono la frutta secca, la frutta fresca, i cereali integrali, l’olio di oliva. Secondo gli autori dello studio, invece, bisognerebbe ridurre tutti questi alimenti e ridurre sia i grassi animali sia gli zuccheri. In caso di necessità, si consiglia anche di adattare le basi della dieta a cucine appartenenti a culture diverse.

Fonte: qmul.ac.uk