trustpilot Servizio bellissimo
Ottimo servizio per quanto riguarda l'informazione...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Nuovo criterio per analizzare il rischio di cancro alla prostata

Gli autori di uno studio internazionale hanno elaborato un nuovo criterio per misurare il rischio di cancro alla prostata. Il punteggio serve ad analizzare i fattori genetici che potrebbero portare a una forma aggressiva del tumore. In questo modo sarebbe possibile ottimizzare i trattamenti e agire subito in maniera aggressiva, se necessario.

Il cancro alla prostata è il tipo di tumore maschile più diagnosticato nei paesi sviluppati. Si calcola che provochi ogni anno oltre 300.000 morti nel mondo. I nuovi casi sono circa 1 milione ogni anno. Una vera e propria emergenza, da affrontare di conseguenza anche con test genetici specifici.

Gli screening per calcolare l’antigene prostatico specifico (PSA) facilitano la diagnosi precoce. È però frequente che uomini del tutto sani presentino comunque livelli alti di PSA. Inoltre, c’è sempre il pericolo di trattamenti troppo aggressivi su persone affette da una forma blanda del tumore. La cosa migliore sarebbe quindi individuare in anticipo chi rischia di sviluppare una forma grave di tumore alla prostata.

Il consorzio PRACTICAL ha sviluppato un test genetico specifico per il cancro alla prostata. I ricercatori hanno sviluppato anche uno strumento per misurare il rischio di sviluppare la forma aggressiva del tumore. In questo modo sarebbe più facile fornire a ciascun paziente il trattamento giusto per la sua condizione.

I ricercatori hanno analizzato oltre 200.000 varianti genetiche provenienti da 31.747 uomini europei. Hanno identificato 54 variazioni collegate a un maggior rischio di tumore. Le hanno quindi incorporate in un’analisi dell’età dei soggetti e del loro stile di vita. Hanno così ottenuto un nuovo criterio per l’analisi dei dati, applicato a 6.411 uomini.

Secondo il test effettuato, il test genetico e l’analisi darebbero risultati molto affidabili. Se la cosa fosse confermata, si avrebbe uno strumento prezioso per elaborare trattamenti più efficaci e specifici.

Fonte: medicalxpress.com