trustpilot Soddisfatta del servizio.
Personale disponibile e gentile. Lo consiglio a tutti ...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Quanto è efficace la stimolazione ovarica nell’infertilità inspiegata?

Per una donna che pratica sesso non protetto, le possibilità di rimanere incinta sono circa del 30% ogni mese. Dopo un 1 anno di tentativi senza successo, si può parlare di infertilità. In alcuni casi è impossibile addirittura trovare una causa precisa e si definisce il fenomeno infertilità inspiegata. In questi casi si cerca comunque di facilitare il concepimento mediante inseminazione intrauterina e fecondazione in vitro.

Uno studio del dottor Farquhar ha analizzato l’impatto della stimolazione ovarica nei casi di infertilità inspiegata. Allo studio hanno partecipato donne sotto i due anni e con un indice di massa corporea massimo di 35. Tutte le partecipanti soffrivano di infertilità inspiegata. I medici le hanno divise in due gruppi:

  • stimolazione ovarica con inseminazione intrauterina;
  • monitoraggio del periodo fertile e attività sessuale standard.

Il 31% del primo gruppo è riuscito a concepire e portare a termine la gestazione, contro il 9% del secondo gruppo. Il primo gruppo ha però registrato anche un tasso più alto di aborti spontanei, il 16% contro il 9%. Gli autori hanno quindi concluso che la stimolazione ovarica, in combinazione con l’inseminazione intrauterina, aumenta notevolmente le possibilità di concepire.

Lo studio ha un grosso peso, poiché il 30%-40% dei casi di infertilità rimangono inspiegati. Alcuni medici hanno quindi proposto di ampliare i normali test di valutazione della fertilità. Test genetici e immunologici, ad esempio, potrebbero aiutare a identificare eventuali anomalie. Bisogna però tenere conto che questi test aumenterebbero anche i costi della fecondazione assistita, quanto meno nelle prime fasi.

Fonte: medscape.com