trustpilot Servizio bellissimo
Ottimo servizio per quanto riguarda l'informazione...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

L’anoressia è una malattia genetica?

Secondo i ricercatori del King's College di Londra e dell’Università del Nord Carolina, l’anoressia potrebbe avere basi genetiche. Lo studio svela infatti alcune caratteristiche proprie delle malattie metaboliche, tutte collegate a 8 varianti genetiche.

La scoperta si basa sui dati raccolti da oltre 100 studi in tutto il mondo. In particolare, i ricercatori hanno combinato i dati raccolti da Anorexia Nervosa Genetics Initiative e Eating Disorders Working Group. In tutto, hanno esaminato 16.992 casi di anoressia e 55.525 persone appartenenti al gruppo di controllo, provenienti da 17 Paesi. Ne è emerso un quadro sia psichiatrico sia genetico.

Da quanto è emerso, l’anoressia ha tratti propri dei disturbi metabolici di origine genetica. Fino ad oggi, si attribuivano le anomalie di questo tipo in buona parte alla mancanza di cibo. Eppure, secondo gli studiosi alcune di queste sono precedenti alla malattia e ne sono in parte causa. Potrebbero addirittura giocare un ruolo importante quanto le componenti psichiatriche.

Molti di questi influenzano il modo in cui il corpo assorbe i grassi e anche la propensione all’attività fisica. Questo potrebbe spiegare perché una buona fetta di persone anoressiche è molto attiva, nonostante la mancanza di nutrienti. I problemi in questione si intersecano con altri disturbi di natura psichiatrica, come OCD e depressione.

Gli autori dello studio ritengono che un’analisi approfondita delle componenti metaboliche potrebbe aiutare ad affrontare la malattia. Se quanto emerso fosse confermato, infatti, si dovrebbero ripensare tutti i trattamenti attuali.

Fonte: kcl.ac.uk