trustpilot Servizio bellissimo
Ottimo servizio per quanto riguarda l'informazione...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Anemia falciforme: cos’è e quali sono i sintomi

L’anemia falciforme è una malattia genetica ereditaria che interessa i globuli rossi. Le cellule di chi ne soffre hanno la forma di una mezzaluna e sono rigide, tendenti ad aggregarsi. Ciò rende loro più difficile muoversi attraverso i vasi sanguigni e rallenta il flusso sanguigno. In alcuni casi, i globuli rossi modificati arrivano a bloccare la circolazione.

Uno dei rischi maggiori legati all’anemia falciforme è l’ischemia. A causa dei globuli rossi mutati, i tessuti non ricevono abbastanza sangue e le cellule muoiono. Inoltre, i globuli sono più fragili del normale e questo porta a una grave forma di anemia.

La causa dell’anemia falciforme è una mutazione del gene che regola la produzione di emoglobina. La proteina è essenziale per il corretto funzionamento dei globuli rossi ed è ciò che rende possibile il trasporto dell’ossigeno. Affinché la malattia si manifesti, bisogna ereditare l’anomalia genetica da entrambi i genitori. Altrimenti, si è solo portatori sani.

L’anemia falciforme si manifesta di solito intorno al quarto mese di vita. Tra i sintomi ci sono:

  • Anemia. I globuli rossi malati muoiono in 10-20 giorni invece che in 120. Ciò provoca una carenza cronica di cellule, che causa a propria volta debolezza, affaticamento, difficoltà visive, pallore.
  • Dolori. Chi soffre di anemia falciforme avverte crisi dolorose improvvise, che possono essere più o meno lunghe. Le provocano gli aggregati di globuli rossi malati, che ostacolano il passaggio del sangue. Il dolore interessa torace, addome, articolazioni.
  • Estremità degli arti gonfie.
  • Infezioni. La milza è danneggiata dai globuli malati e non riesce a espletare le sue funzioni all’interno del sistema immunitario
  • Ritardo della crescita.
  • Problemi di vista.

Fonte: humanitas.it